L’uomo dietro il giornalismo

La storia di Botteri, Feltri & Co.

In questo ultimo periodo ci sono state parecchie dichiarazioni da parte di molti giornalisti, purtroppo non tutte prive di critiche.

Giovanna Botteri, giornalista e figlia d’arte, con anni di carriera nel giornalismo televisivo, per esempio, ha voluto documentare la sua visita alla sede Rai di Pechino e, durante questa, si è tolta tutte le protezioni che la aiutavano a non entrare a contatto con possibili oggetti infetti o soggetti positivi al virus che in questo momento allarma tutto il mondo.  Da parte di una giornalista esperta non ci si sarebbe mai immaginato qualcosa del genere, anzi, dovrebbe essere la prima a mandare il messaggio secondo il quale si devono assolutamente seguire le norme igieniche e rispettarle in modo corretto per evitare di infettare chi ci è attorno o essere infettati.

Giovanna Botteri e Vittorio Feltri

Tuttavia, questo non è stato l’unico tremendo errore che abbiamo avuto modo di conoscere in questi giorni; quello che vi sto per citare infatti è più un colpo basso all’umanità. Il signor Vittorio Feltri del giornale Libero ha infatti esplicitamente dichiarato che secondo il suo parere i meridionali siano inferiori.

Tutti sanno che Feltri si è sempre vantato di avere un giornale politicamente scorretto e che questa non è la prima volta che insulta gratuitamente una fascia così ampia di popolazione (basta ricordare il suo intervento alla Rai contro Vladimir Luxuria), allora in questo caso viene spontaneo domandarsi: è così che dovrebbe essere il giornalismo? La risposta ovviamente è no. I giornalisti dovrebbero portare fatti di cronaca oggettivi e avere una mente ampia per poter comprendere tutti. Anche se la gente usa odio e violenza in ogni caso non bisogna mai rispondere con la stessa moneta o si rischierebbe di generare solo altro odio; ovviamente è un concetto che vale per tutti ma ancora di più per i giornalisti, il cui lavoro non è sicuramente quello di costruire muri, al contrario è quello di donare conoscenze, spalancare mondi, cosa che un giornale politicamente scorretto non può essere capace di fare. Men che meno di sicuro un giornale di questo tipo non potrà mai essere imparziale, cosa fondamentale che il nostro Feltri ha deciso di mettere in secondo piano più e più volte. Come si fa a documentare in maniera corretta un fatto di cronaca se non si è oggettivi? Questo fatto non potrà mai essere letto con una prospettiva ampia; non si potranno mai vedere entrambe le facce della medaglia se ce ne viene mostrata solo una. Questo è un ulteriore ed enorme sbaglio che questo signore commette al capo della sua testata giornalistica e che sicuramente non è da sottovalutare.

                                                                   Giorgetti Serena Sic Est -Macerata